Sotto Il Vulcano


LAD Onlus garantisce il Cure&Care ai bambini affetti da malattia oncologica e alle loro famiglie

Aprirà a Catania WonderLAD, il centro accoglienza all'avanguardia in Europa. Un progetto di solidarietà internazionale con tanti sostenitori e partners

Sabato 25/05/2019



CATANIA - Una giornata di festa per LAD Onlus, un paio di giorni addietro. Un momento di sorrisi e aggregazione al quale, pur invitato, non sono stato nella possibilità di partecipare.

Il 20 novembre 2019, data della giornata mondiale dei diritti per l’infanzia, verrà inaugurata WonderLAD, la casa delle meraviglie. Un luogo favoloso dove, nonostante l'aspetto fiabesco, si ha a che fare con la malattia, una delle più dure, difficile da accettare - perché vede colpiti i bambini - ma, proprio per questo motivo, da affrontare con energia, professionalità, sorriso e, adesso, con un senso dell'accoglienza e della comodità del tutto nuovi, all'avanguardia.

Dopo un concorso internazionale di architettura, vinto dalla Frontini-Terrana Architects, tre anni di intenso lavoro, aprirà così le porte la casa del “cure and care”, che accoglierà i bambini con malattie oncologiche e le loro famiglie, supportate nel periodo del ricovero al Policlinico Universitario di Catania.

Un progetto di solidarietà condivisa che prende spunto da CasaOz a Torino, realizzato grazie al sostegno non solo di tante realtà nazionali e siciliane ma anche straniere, che, spontaneamente, hanno manifestato il desiderio di contribuire alla realizzazione della più grande opera di terzo settore attualmente in cantiere in Italia.

Devo la conoscenza di questa realtà, ancor prima che dai comunicati stampa e dalle attività di comunicazione e sensibilizzazione sull'argomento al mio amico Giorgio Galletta che una tarda mattinata di pochi mesi addietro mi accompagnò all'incontro con una persona di cui ha enorme stima e per la quale nutre affetto: l'architetto Emilio Randazzo.

In una Catania decentrata rispetto al centro storico, in via Filippo Paladino, su un terreno poco distante dal confine con i limitrofi Comuni di Sant'Agata li Battiati e Tremestieri Etneo, ebbi la sorpresa di non ritrovare il verde incolto che ricordavo, l'ampio appezzamento abbandonato all'incuria, dove già cominciavano ad "avere albergo" carcasse d'auto e persino un natante, bensì una realtà affatto nuova: un cantiere d'eccellenza architettonica, ingegneristica e dei servizi che, di lì a poco, avrebbe aperto i cancelli a una nuova, sensibile, accoglienza.

Ne restai stupefatto e ammirato.

Duemila metri quadri di bellezza, nella zona Nord-Est della città di Catania, circondati dal verde, in cui si snodano laboratori, uffici e una zona notte, pronta ad accogliere 24 persone con sei stanze da quattro posti letto ciascuna.

Non soltanto questo: WonderLAD è dotata di uno spettacolare Auditorium per il quale l’acustica è stata curata da Francesco Pellisari da Cambridge e l’ingegnerizzazione dalla Canducci Group di Pesaro e che ospiterà convegni, concerti e spettacoli. La sala, contemporanea e assieme avveniristica com'è il senso di tutta la struttura ospiterà un pubblico di 300 persone.

"Siamo convinti che il destino ci assista in questo percorso perché tutte le difficoltà sono sempre state superate insieme alle tante persone che hanno creduto in questo progetto come noi – spiega Cinzia Favara Scacco, presidente di LAD -. La nostra mission è quella di restituire la normalità di una vita quotidiana e l’interazione con il mondo esterno a interi nuclei familiari che spesso vengono isolati dal peso della malattia, attraverso l’arte che cura. Questa casa nasce dalla nostra esperienza al reparto di onco-ematologia del policlinico di Catania, che vogliamo regalare a un numero sempre maggiore di bambini, facendo perno sulla ricerca scientifica, che portiamo avanti da oltre vent’anni”.

Un’opera in bioedilizia, considerata esempio virtuoso di costruzione in qualità ed efficienza, che rispetta l’ambiente e che punta al risparmio energetico, realizzata con legno, sughero tostato e alluminio e che offre ottimi risultati sia dal punto di vista della performance dell’involucro, sia bioclimatico.

Da Catania un esempio; non per l'Italia ma per l'Europa.

"Questo è un progetto di eccellenza e inclusivo – ha sottolineato il project manager Emilio Randazzo - con una priorità comune: i nostri bambini. Con LAD Project abbiamo sognato a voce alta e abbiamo avuto delle straordinarie dimostrazioni di grande umanità intorno a noi. Ma la famiglia di LAD è in continua espansione, la testimonianza che quando noi siciliani collaboriamo insieme possiamo ottenere grandi risultati".

Alla giornata durante la quale è stata resa pubblica la data di apertura del centro, si è registrata tanta emozione, assieme a sorrisi sinceri e forti applausi. Al contempo è stato accolto e reso noto il nuovo, prestigioso sostenitore, Parmalat Italia presente con il marchio - di origini siciliane Ndr. - Latte Sole.

"La Sicilia - ricorda Giovanni Pomella, General Manager di Parmalat - è una regione di grande rilevanza strategica per Parmalat; abbiamo deciso di sostenere LAD in un progetto di rilievo sociale per le famiglie siciliane che concorre a dare valore al territorio in cui operiamo da quasi 60 anni con il marchio Sole".

Da qualche giorno, mentre viaggio in Metropolitana, a Catania, ho un motivo in più per sorridere. Mentre il cuore, inevitabilmente, si fa piccolo al solo pensiero di sofferenza per i più meritevoli tra noi - i bambini, ovvero gli esseri meno esposti alle contaminazioni, e alle asperità, delle vite di molti adulti - so che sono numerosi i professionisti, gli artigiani, i medici e i competenti che, per alleviare pena e dolori altrui sanno rendere unico il nostro tempo. Guardo quei manifesti, tra una stazione e l'altra del nostro "tube" e, nonostante tutto, sorrido.

E mi posso permettere anche di sottolineare hai nostri lettori come, chi può, ha l'opportunità di contribuire alla causa devolvendo il proprio 5x1000.
LAD Cure&Care in oncologia pediatrica via Umberto, 297 - 95129 Catania. info@ladonlus.org - www.ladonlus.org.
Codice fiscale: 93162430875. Donazioni liberali, IBAN: IT0B0200816934000103081297.

Quest'anno, al volgere di luglio 2019, l'esperienza cartacea di Sotto il Vulcano finirà il suo cammino durato 26 anni. Ne abbiamo scritte tante, contenendo migliaia di vite e le loro storie, molto spesso con un finale positivo, perlomeno con orientamenti di speranza, affermazione, promozione, vittoria.

La nostra ultima copertina di un ciclo ininterrotto sarà dedicata a LAD Onlus con la sua WonderLAD. Chi ben inizia ha il dovere di finire al meglio!


di Marco Spampinato (© 2019 Sotto il Vulcano. Riproduzione Riservata)



Foto di gruppo con sorriso, fervono i preparativi per la prossima apertura di WonderLAD a Catania (Foto LAD Onlus 2019)


< Indietro     











CONTATTI:





Confermando l'invio AUTORIZZI al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016, noto anche come “GDPR” e successivi aggiornamenti 2018.





I contenuti presenti su questa pagina dei quali è autore il proprietario Marco Spampinato non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore. © Marco Spampinato 1993 - 2018

Italica Service