Sotto Il Vulcano


La Sindrome, al Multisala Lo Po' di Catania proiezione gratuita il 2 dicembre

La trama del film rimanda a un sequestro di persona dai risvolti drammatici per un progetto sostenuto anche dall'associazione nazionale antimafia Alfredo Agosta

Sabato 01/12/2018



CATANIA - Domenica 2 dicembre al Multisala Lo Po' della centrale via Etnea è prevista la presentazione, con proiezione gratuita, del film "La sindrome", pellicola sostenuta dalla associazione nazionale antimafia Vincenzo Agosta.

Veniamo a conoscenza di questa realizzazione artistica a firma del regista e cantautore Antonio Zappalà (conosciuto anche con lo pseudonimo di Antonio Zeta) incontrando Debora Savasto, che del film è la protagonista femminile, quando la giovane attrice siciliana viene a trovarci alla nostra Power Station per prendere parte al progetto di ritratti che sfocerà nel nuovo libro, con mostra, a marchio "Sotto il Vulcano".

Scopriamo così che il cortometraggio vuole rappresentare la finzione come in un crudo documentario, senza filtro.

La rappresentazione racconta la realtà dei soggetti affetti da condizionamento mentale.

“La sindrome” - leggiamo e apprezziamo attraverso il breve spezzone propostoci dalla stessa Savasto mentre è con noi in redazione - arriva dritta come un pugno nello stomaco dello spettatore.

La sua prima proiezione proprio oggi, domenica 2 dicembre 2018, al cine-multisala Lo po di via Etnea, 256 a Catania con inizio previsto alle ore 11.

Il cinema mondiale negli anni ha dedicato tanti film sulla Sindrome di Stoccolma, che è. semplicisticamente, il rapporto - o intreccio perverso, malato, che riesce a crearsi tra l'aguzzino e la vittima e che porta, non di rado, a repentino scambio di ruoli -.

Antonio Zappalà in “La sindrome” racconta il disaggio e ciò che si nasconde dietro, offrendo una versione più cupa, inquietante, cinica e immediata, grazie anche all’attenta fotografia curata da Giovanni Marzagalli

Durante la prima saranno presenti in sala lo stesso regista insieme agli attori protagonisti Debora Savasto (che è anche coautrice) e Antonio Bonanno.

Al termine della proiezione interverranno criminologi e psicologi che cercheranno di approfondire il delicato tema trattato nel film. Tra questi sarà presente anche la criminologa e vittimologa Enza Bifera presidente dell'associazione nazionale antimafia "Alfredo Agosta"che ha supportato il progetto artistico.

di Marco Spampinato



Un drammatico fermo immagine tratto da La Sindrome di Antonio Zeta con Debora Savasto in primo piano (foto US 2018)

L'attrice Debora Savasto in una scena de La Sindrome cortometraggio per la regia di Antonio Zappaà (foto US 2018)

La troupe del cortometraggio siciliano La Sindrome al lavoro (foto US 2018)


< Indietro     











CONTATTI:





Confermando l'invio AUTORIZZI al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016, noto anche come “GDPR” e successivi aggiornamenti 2018.





I contenuti presenti su questa pagina dei quali è autore il proprietario Marco Spampinato non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore. © Marco Spampinato 1993 - 2018

Italica Service