Sotto Il Vulcano


La Rosa, l'AMT di Catania e la svolta dei fondi europei

Da semplice azienda partecipata del Comune di Catania a promotore di attività socio-culturali: alcune novità targate Azienda Metropolitana Catania prima della sostituzione ai vertici dell'avvocato Puccio La Rosa

Domenica 07/10/2018

Nella città metropolitana di Catania, “L’Amt ha deciso di avere un ruolo propositivo per la crescita della città. Non più una semplice azienda partecipata del comune, ma promotrice della crescita sociale e culturale”, questo è quanto affermato dall’avvocato Puccio La Rosa, ex presidente, nonché attuale membro del Consiglio d’Amministrazione dell'azienda.

“Lascio oggi la presidenza di AMT Catania S.p.A. in ragione della decisione, tutta politica, assunta dal Socio Comune di Catania. – ha dichiarato La Rosa diffondendo un suo comunicato stampa -. Lascio un’Azienda risanata con utili di gestione di oltre 1,2milioni di Euro nel 2017 e oltre 1milione di Euro già all’uno Ottobre del 2018, con una produzione aumentata dell’8,2% rispetto un anno fa e con la prospettiva di crescere ancora se il proprietario (e unico debitore dell’Azienda) Comune di Catania, a causa del dissesto o di scelte sbagliate, non farà da zavorra.

Ho la soddisfazione, ancora, di avere determinato, con il lavoro mio e delle colleghe Mandarano e Di Serio: l’integrazione tariffaria con la Metropolitana; il fondamentale accordo con l’Università di Catania (che consentirà ai 45.0000 studenti dell’Ateneo di viaggiare sui bus con l’iscrizione all’Università e di avere risorse per la ricerca e la formazione grazie ad AMT); il recupero dell’Ex Rimessa degli autobus di Via Plebiscito; l’acquisto di 42 bus (in servizio entro ottobre) e di ulteriori 28 (la gara si concluderà il prossimo 18 Ottobre); la definizione di un essenziale accordo in applicazione del CCNL di categoria con le OO.SS.; due fondamentali Leggi Regionali a favore della Società (di recente con l’art. 68 dell’ultima finanziaria regionale) e moltissimo altro ancora”.

“Ho, soprattutto, l’orgoglio e la soddisfazione – conclude La Rosa - di avere salvato, grazie a un eccellente lavoro di squadra, un’Azienda che, fino ad un anno fa, tutti davano per fallita facendola diventare l’unica nel suo campo in attivo in Sicilia e fra le prime in Italia”.

A supporto di queste dichiarazioni i tantissimi interventi concreti anche a favore della cultura e dei giovani, messi in essere da Azienda Metropolitana Trasporti Catania.

Innanzitutto, per quanto si evince, l’azienda ha venduto a prezzo agevolato 45mila abbonamenti per i mezzi di trasporto (65euro/cadauno annuali) all’Università di Catania. Così, gli studenti regolarmente iscritti all’Ateneo, dal 10 ottobre, senza discriminazione di luogo di residenza, potranno usufruire gratuitamente degli autobus e dei parcheggi scambiatori.

L’iniziativa è atta a favorire il diritto allo studio, ma anche la viabilità e la sostenibilità ambientale.

Le novità, però, non finiscono qui. Il 10% del ricavato dei 45mila abbonamenti venduti “tornerà ai giovani”: viene, infatti, interamente dedicato al finanziamento di borse di studio e assegni di ricerca, per tutti gli studenti che volessero dedicarsi alla progettazione di ipotesi di mobilità sostenibile.

Per sostenere ulteriormente il progetto, l’AMT acquisterà fino a 70 autobus nuovi, usufruendo dei fondi europei PON Metro e dei finanziamenti previsti dalla legge Delrio. Per l’anno 2018-2019 i cittadini avranno, totalmente, 120-130 autobus a disposizione per coprire l’intera rete viaria.

L’azienda possiede, inoltre, una rimessa in via Plebiscito (Rimessa R1 Amt). La stessa è stata trasformata in un ampio parcheggio a pagamento con possibilità di servizio navetta (linea 504 m).

Le facciate del capannone, però, sono state adibite a museo, grazie alle opere artistiche realizzate da differenti artisti aderenti alla Street Art. A tal proposito, l’AMT è alla ricerca di nuove collaborazioni con associazioni che possano contribuire alla crescita culturale della città etnea.
Il regolamento sarà redatto a breve, ma è già possibile inoltrare la propria richiesta attraverso i contatti della stessa società.






Puccio La Rosa ai tempi del rilancio di AMT


< Indietro     











CONTATTI:





Confermando l'invio AUTORIZZI al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016, noto anche come “GDPR” e successivi aggiornamenti 2018.





I contenuti presenti su questa pagina dei quali è autore il proprietario Marco Spampinato non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore. © Marco Spampinato 1993 - 2018

Italica Service